La successione legittima

La successione legittima

da | Giu 9, 2022 | Eventi

Cosa si intende per successione legittima ed eredi legittimari

La morte di una persona comporta anche le questioni relative alla successione ereditaria. Questa presenta due casi diversi, a seconda che il defunto abbia lasciato o meno un testamento valido. Si parla così di successione testamentaria o legittima.

La successione legittima

La successione legittima è quella che avviene in assenza di testamento. La legge italiana (art. 565 del Codice civile) stabilisce che sono eredi legittimi i parenti più stretti del defunto: il coniuge, i discendenti (figli), gli ascendenti (genitori), i collaterali (fratelli e sorelle) e gli altri parenti sino al sesto grado. Se non vi dovessero essere parenti l’erede diventa lo Stato.

L’eredità in questo caso va divisa in base ai parenti presenti:

  • Se il defunto lascia solo il coniuge a questo spetta tutta l’eredità. Rientra nel diritto di successione il coniuge separato, purché non gli sia stato riconosciuto l’addebito; non vi rientra invece il coniuge divorziato. Rientrano nella successione anche coloro che sono uniti da un’unione civile.
  • Se restano figli e coniuge la divisione viene fatta in base al numero dei figli: con un solo figlio la divisione è al 50%, se vi sono più figli questi si dividono in parti uguali i due terzi dell’eredità, mentre l’altro terza va al coniuge. Rientrano nella successione anche i figli adottati e naturali.
  • Se il defunto lascia il coniuge e genitori o fratelli e sorelle al coniuge spettano i due terzi dell’eredità, agli altri un terzo da suddividere equamente tra di loro.
  • Se chi muore lascia soltanto i genitori o fratelli e sorelle l’eredità viene divisa tra loro in parti uguali.
  • Se non vi sono parenti prossimi, l’eredità viene divisa in parti uguali tra parenti entro il sesto grado.

Cosa succede in caso di testamento

In caso di testamento i parenti più vicini al defunto sono comunque tutelati dalla legge italiana, anche quando questi non vi sono nominati. In questo caso si parla di eredi legittimari e sono costituiti da coniuge, figli e genitori.

I legittimari per veder riconosciuto il loro diritto all’eredità, se non nominati nel testamento, devono ricorrere al giudice. L’esito non è scontato, ma dipende da precise condizioni. Il diritto alla quota dell’eredità viene meno se l’eredità è passiva o se si sono già percepite donazioni di valore pari o superiore alla quota di successione.

In caso di perdita di un familiare puoi rivolgerti a Onoranze Funebri Sordo. Ci trovi a Buja (UD), in via Pra’ di Tos 3. Per contatti chiama lo 0432.960189 o il 335.6787204. Puoi anche scriverci a info@onoranzefunebrisordo.com

Vuoi rivedere la diretta dell’evento? Clicca qui